Le cento chiese di Modica

Le cento chiese di Modica

Pare che una volta Modica avesse 100 chiese, con le campane che suonavano a tutte le ore per ricordare matrimoni, feste, funerali o altri riti religiosi. Tante ne sono rimaste in piedi e tra queste il duomo di San Giorgio, posto in posizione scenografica tra la parte alta e la parte bassa della città e ritenuto il monumento simbolo dello stile architettonico barocco siciliano.

Si ammirano poi la chiesa di San Pietro preceduta da una monumentale scalinata con le statue dei dodici apostoli, le chiese del Carmine e di Santa Maria in Betlem, oltre al pregevole esempio di architettura rupestre di San Nicolò inferiore.

I più curiosi possono proseguire la visita raggiungendo il quartiere Francavilla, uno dei più antichi della città, che si estendeva nella parte alta del centro abitato dalle mura settentrionali del castello dei Conti, fino all’attuale chiesa di San Giovanni.

Ritornando nella zona bassa della cittadina, prima di ripartire, è d’obbligo una sosta in uno dei numerosi laboratori di produzione di cioccolato artigianale, famoso per essere preparato seguendo la ricetta originale azteca, che lo rende granuloso e friabile.

La Pasqua si festeggia a Modica con il secolare appuntamento con la Madonna Vasa-Vasa. Due processioni partono dalla chiesa di Santa Maria in Betlem, una con il simulacro del Cristo redento, l’altra con il simulacro della Madonna addolorata. Percorrono le vie cittadine con itinerari diversi e intorno a mezzogiorno, raggiungono piazza municipio dove avviene u ‘ncontru, l’incontro tra la madre e il figlio, e la vasata (il bacio e l’abbraccio fra i due).

Il rito si effettua mediante un marchingegno, grazie al quale le braccia della madonna si muovono tendendosi verso Gesù mentre i portatori accentuano teatralmente i gesti dei due simulacri. La scena si ripete altre due volte. Ad ogni incontro alla madonna viene fatto cadere il manto nero scoprendo la veste azzurra e tutte le volte si lasciano libere di svolazzare un gruppo di colombe bianche. I contadini del luogo traggono auspici per l’annata agricola a seconda del modo in cui si svolge la vasata

Per organizzare meglio la vostra visita a Modica contattate l’ufficio del turismo al numero 0932759634 o visitate il sito dell’ufficio turistico cittadino . Buon viaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *