Cosa fare e vedere ad Avila

Cosa fare e vedere ad Avila

Avila dista circa 140 km da Madrid ed è il capoluogo di provincia più alto di Spagna, trovandosi a 1.131 m sul livello del mare. La città, protetta dalle mura medievali che ne circondano il centro storico, vanta una storia millenaria e scandita dalle tre culture che vi hanno dominato: ebraica, islamica e cristiana. E proprio di quest’ultima Avila è massima rappresentante poiché qui è nata Teresa d’Avila, mistica e personalità illustre del cattolicesimo. La sua eredità vive più che mai e la potete percepire chiaramente passeggiando per le vie del centro mentre si va alla scoperta dei luoghi dove ha vissuto e testimoniato la sua fede.

Le mura

La visita della città non può che iniziare dalla sua parte antica e fortificata, dal 1985 inserita nella lista Unesco dei beni patrimonio dell’umanità. Lungo le mura, splendidamente conservate e vanto della città, si aprono 7 porte. La più bella è indubbiamente Puerto de San Vicente. Qui le mura raggiungono la loro massima altezza, 15 m, ed il portone si osserva distintamente già da lontano.

Proseguite per qualche decina di metri per raggiungere l’omonima Basilica de San Vicente , l’edificio religioso di Avila più importante dopo
la Cattedrale. A questa chiesa, risalente al XI secolo, è legata una leggenda, legata al fatto che sul luogo di costruzione sarebbe avvenuto il martirio di tre fratelli (Vicente, Sabina e Cristeta) nel 306 durante la persecuzione di Diocleziano. Sembra che il giudice che li condannò, essendosi pentito di averli mandati a morte, abbia deciso di far costruire una chiesa. Oggi, dopo diversi spostamenti nel corso dei secoli, i resti dei tre fratelli uccisi sono conservati nel Cenotafio, una delle opere maggiormente rappresentative della scultura romanica in Spagna e tuttora in ottimo stato di conservazione.

Uno scorcio delle splendide mura di Avila

Plaza Mayor e la cattedrale

Meglio conosciuta come Plaza del Mercado Chico, questa è il cuore autentico della città. Nata nell’XI secolo come piazza del mercato (da qui l’origine del nome), solo successivamente venne scelto di trasferirvi il palazzo del Municipio e renderla quindi il luogo principale e punto di riferimento della vita cittadina. Per tale motivo sono state costruite delle case porticate ai quattro lati, rendendo così la plaza simile alle Plaza Mayor di tante altre città spagnole (per esempio Madrid e Salamanca).

Lasciata plaza mayor, magari dopo una buona sosta in uno dei tanti bar che si affacciano sulla piazza, ci avviamo verso la cattedrale che fortunatamente non è troppo distante. Si tratta della cattedrale gotica più antica di Spagna: la sua costruzione iniziò infatti nel Xll secolo seguendo il canone romanico e venne conclusa soltanto tre secoli dopo in stile gotico. Una particolarità della Chiesa è che l’abside è parte integrante delle mura e quindi rientra nel complesso difensivo che circonda Avila. A dare alla Cattedrale un aspetto ancora più da fortezza ci sono le due torri, di cui una non terminata, che delimitano la facciata principale.

La cattedrale

Un’altra cosa da non perdere assolutamente è una visita al belvedere di Los Cuatro Postes, da dove potete godere di una vista indimenticabile di Avila e della sua cinta muraria. Il belvedere prende il nome dal monumento religioso formato da quattro colonne doriche alte 5 m su cui poggiano degli architravi con raffigurato lo scudo della città. L’opera risale al 1566 e si trova nel punto in cui, secondo la tradizione, la piccola Teresa e suo fratello Rodrigo vennero trovati dal loro zio prima che si mettessero in marcia verso sud dove volevano fare opera di evangelizzazione tra i musulmani.

Accessibilità

Proprio quest’anno Avila si è aggiudicata il premio europeo Access City Award grazie all’impegno della città nel miglioramento dell’accessibilità degli edifici pubblici, grazie anche a una programmazione urbana avviata sin dal 2002 in collaborazione con le associazioni dei disabili. La città ha previsto anche incentivi in tal senso per il settore privato e ha migliorato l’accesso dei disabili alle strutture turistiche e al mondo del lavoro. Il piano ha anche portato alla creazione di strutture turistiche di facile accesso e, operando direttamente con le organizzazioni impegnate a favore delle persone disabili e degli anziani, ha migliorato le opportunità di occupazione per i disabili. Per info sulle strutture accessibili ad Avila, e su tutto quello che vi può servire durante il vostro soggiorno, potete consultare il sito turistico della città (disponibile in inglese e spagnolo). Buon viaggio amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *