Roskilde terra dei vichinghi e del rock

Roskilde terra dei vichinghi e del rock


Skomakergade

Dici Danimarca e pensi subito alla Sirenetta e alle fanciullesche suggestioni del parco Tivoli, a Copenhagen. Nessuno o quasi invece pensa a Roskilde ed è un errore. Perché questa piccola città a soli 35 km dalla capitale, che spesso solo i patiti del rock hanno sentito nominare, è invece una specie di riassunto della storia e delle vicende del paese dei vichinghi. Ed è per questo che dovrebbe stare al primo posto della ideale lista dei posti da vedere in Danimarca. E la città della Sirenetta non si offenda. Tra l’altro per sbarcare a Roskilde non si deve fare neppure troppa fatica: basta mezz’ora dal centro di Copenaghen per arrivare al magico luogo di sepoltura di re, regine e cavalieri e per trovarsi di fronte uno dei patrimoni dell’Unesco: la Cattedrale di Roskilde.

Ma prima si deve fare un passo indietro. Più di mille anni fa, i vichinghi fondarono questo insediamento come base commerciale e a partire dagli anni a cavallo dell’anno 1000 Aroldo I di Danimarca, il condottiero vichingo che unì il paese portando la religione cristiana, la scelse come capitale del suo regno. Una scelta mantenuta nel tempo visto che rimase la città più importante fino al 1417 quando la vicina Copenaghen le rubò il primato. Ogig con una popolazione di soli cinquantamila abitanti è solo la decina città del paese. Anche se resta importante il suo ruolo per l’economia e la presenza di una università che porta una vivace popolazione giovanile. Che riempie le serate e le strade.

Cattedrale di Roskilde

Una città giovane e dinamica

Le stesse vie, come le pedonali Skomakergade e Algade che noi percorreremo per arrivare alla cattedrale che contiene le tombe di quasi quaranta re e regine danesi a partire da Harold Bluetooth (morto nel 985) e suo figlio, Sweyn Forkbeard (morto nel 1014), passato alla storia come il «Conquistatore dell’Inghilterra». La cattedrale ancora oggi è uno dei grandi monumenti nazionali della Danimarca e troneggia al centro della città. All’interno, composto da una lunga navata e da due absidi laterali, non potrai non notare la presenza delle tombe regali come quella di Margarethe I (morta nel 1412), che governò su Danimarca, Norvegia, e Svezia.

Quasi tutte le cose da vedere a Roskilde sono legate alla storia dei vichinghi. Il più evidente di questi lasciti è quello che viene conservato nel Museo delle navi vichinghe che si trova sulle rive del fiordo di Roskilde ed è una delle principali attrazioni turistiche della Danimarca.

Il museo è composto da otto edifici con funzioni molto diverse, tra cui un cantiere navale dove vengono ricostruite navi vichinghe e tradizionali barche in legno nordico, e un centro di attività dove adulti e bambini possono provare le loro abilità nell’artigianato in stile vichingo. Se non vi bastasse questo tuffo nell’epoca lontana dei guerrieri del nord serviranno pochi chilometri per avere una emozione in più: a pochi chilometri si trova la località di Frederikssund, che anticamente fu un porto vichingo.

Qui è stato ricostruito con cura un villaggio medievale e ogni anno, nella seconda metà del mese di giugno, si svolge un festival storico.

Drakkar, tipica nave vichinga

Assoli rock

Solo antichità e simboli del passato violento del nostro mondo? Per nulla, nella lista di cosa vedere a Roskilde ci sono anche segni molto più moderni. E persino gli assoli delle chitarre elettriche. Si, perché questa cittadina è la sede di uno dei più importanti festival musicali d’Europa che ogni anno attira oltre ottantamila persone dalla Scandinavia e non solo. Oltre alla musica però questo ormai è diventato un evento globale con performance di arti figurative, sia pure d’avanguardia, ed esibizioni di musica elettronica. Quello che un tempo era un campeggio selvaggio ora è una città in miniatura con tutti i servizi e con un organizzazione che lavora un anno per preparare la festa che dura da fine giugno a inizio luglio (se volete andarci è dal 29 giugno al 6 luglio).

Rock, navi antiche e tombe reali. Il panorama di Roskilde potrebbe lasciarvi forse perplessi. Ecco allora che per compiacere anche gusti più tradizionali non resta che aggiungere alla lista di cosa vedere a Roskilde il palazzo di Ledreborg. Si arriva dal centro cittadino in poco più di venti minuti e quello che appare è una specie di castello fatato, circondato da splendidi giardini barocchi. Dal 1739, il palazzo è stato la dimora della famiglia Holstein-Ledreborg ed è uno dei migliori esempi architettura scandinava del XVIII secolo inserita in un paesaggio che sembra non aver risentito troppo del tempo trascorso. Ma sono i giardini a colpire: sono oltre quattro ettari di parco romantico senza una nota stonata. E sentirsi un cavaliere scandinavo è assai facile.

Per finire è il momento di tuffarsi nella natura della Danimarca andando a esplorare i dintorni. Si tratta di una zona ricca di fiordi, con verdi prati che degradano nel blu e in cui è bello fermarsi per una sosta nei piccoli e tranquilli villaggi della penisola di Hornsherred. In particolare non perdetevi i villaggi di Sæby, di Gershøj o quello di Skibby dalle tipiche case con i tetti in paglia; le rustiche taverne lungo le rive del fiordo diventano inoltre luogo ideale per gustare l’ottima gastronomia danese locale. E pensare che essere un vichingo, almeno per un giorno non è affatto male.

Roskilde Festival – Photo by: Thorbjørn Hansen/ROCKPHOTO

Il museo alternativo

Volete essere un nobile o un fabbro? Oppure preferite sentirvi un druido? Nessun problema: a Roskilde si può. Basta infatti andare al Lejre Research Centre, noto anche come Land of Legends. Si tratta di un museo archeologico all’aperto di 43 ettari appena fuori città. Il museo comprende ricostruzioni realistiche di un villaggio dell’età del ferro e una palude sacrificale(che risale, nelle intenzioni, al 200 a.C..), un mercato vichingo dell’anno Mille, una ricostruzione di un insediamento dell’età del Ferro fino a casolari ottocenteschi. Il bello è che tutti questi spazi sono abitati e vissuti da persone in costume che cercano in ogni modo di mangiare, vestire, dormire e vivere autenticamente. Ridando vita al periodo che rappresentano. Qualcuno potrebbe trovarlo un po’ troppo turistico ma se avete del tempo che vi avanza vale la pena farci un salto.

Voglio andarci. Come si fa?

Roskilde si trova ad appena 30 chilometri da Copenaghen ed è raggiungibile in treno o auto in meno di 30 minuti. Dalla Stazione centrale di Copenaghen ogni giorno partono numerosi treni per Roskilde (tempo di percorrenza della tratta Copenaghen-Roskilde: circa 20-25 minuti). Il costo del biglietto normalmente non supera le 90 Corone danesi (12-13- Euro). Per consultare gli orari dei treni potete utilizzare il Rejseplanen. preziosissimo per organizzare gli spostamenti in tutta la Danimarca.

Accessibilità

In Danimarca i treni, gli autobus, i traghetti e gli aeroporti sono tutti a norma e rispondono perfettamente ai criteri di accessibilità. Molti traghetti hanno delle cabine speciali e ascensori più grandi per i passeggeri disabili. I treni sono muniti di bagni su misura e hanno apposite rampe di accesso per salire e scendere dai vagoni. Roskilde è in gran parte accessibile, eccettuato per un parte del museo delle navi vichinghe. Per ogni tipo di informazione di cui potete avere bisogno in tal senso potete rivolgervi al sito dell’ufficio turistico danese, ricco di informazioni e disponibile in molte lingue tra cui l’italiano.

Insomma, se capitate in Danimarca e non passate da qui sarebbe veramente un peccato. Buon viaggio e buon rock!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *