Le delizie dei Gonzaga: Palazzo Te a Mantova

Le delizie dei Gonzaga: Palazzo Te a Mantova

Quando Mantova era ancora circondata dai quattro laghi formati dal fiume Mincio, qui emergeva una verde e tranquilla isola chiamata fin dal Medioevo, Teieto (poi abbreviato in Te) e collegata con un ponte alle mura meridionali dalla città. Un luogo dove la famiglia dei Gonzaga amava rilassarsi e passare il tempo libero. Nel 1524 Francesco Gonzaga, marito di Isabella d’Este, affidò al famoso architetto Giulio Romano il compito di ristrutturare le scuderie, nate per ospitare i suoi cavalli di razza, al fine di creare un palazzo per il tempo libero, lo svago e l’ozio del principe alla ricerca della quiete.

Palazzo Te diventò così la residenza estiva dei Gonzaga, dove venivano accolti ospiti illustri, come l’Imperatore Carlo V o Enrico III Re di Francia. Oggi il palazzo, ristrutturato e riaperto al pubblico, è un prezioso scrigno ricco di ambienti ed opere d’arte di grande pregio. Il visitatore viene accolto da un ritratto di Giulio Romano dipinto da Tiziano, che lo introduce alle diverse sale riccamente adornate. Tra queste la camera dei Giganti, l’ambiente più famoso e stupefacente di Palazzo Te, completamente affrescato.

Da non perdere la sala Amore e Psiche, la cui decorazione è interamente volta a celebrare l’unione del Marchese Federico e di Isabella Boschetti attraverso  la sensuale vicenda mitologica narrata da Apuleio nell’Asino d’oro, in un vortice di colori, divinità, fauni, satiri e putti. Il tema centrale è appunto l’Amore, il più potente tra tutti gli dei, temuto dallo stesso Giove, al quale nessuno può sottrarsi.

Per informazioni: www.palazzote.it  (Viale Te, 13 – 46100 Mantova), Telefono +39 0376 323266 – email biglietteriemusei@comune.mantova.gov.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *