Abbiamo mangiato a Bormio e …

Abbiamo mangiato a Bormio e …

Nel centro storico di Bormio sorge il Filò, un ristorante ricavato da un vecchio fienile e da una stalla dalle volte in pietra risalenti al ‘600. Per accedervi bisogna scendere una rampa di scale e appena entrati il personale, molto cortese, è pronto ad accogliervi con ospitalità. L’atmosfera del locale si riflette anche sulla cucina, tradizionale ma attenta anche alle più sottili sfumature della creatività. In questo un plauso va fatto allo Chef Max Tusetti e allo staff di cucina, che si sono dimostrati sempre all’altezza.

A partire dagli antipasti, nel nostro caso Sciatt serviti su letto di cavolo cappuccio e misticanza seguiti da uno Sformatino di bitto Dop, porcini in tempura e salsa prezzemolata, ci siamo immersi nei profumi e nei sapori della Valtellina e non volevamo più uscirne ve lo garantisco. Poi, dai primi a base di pizzoccheri e sfere di Sfere di patate ripiene con fonduta di bresaola e crema di pane di segale, abbiamo continuato il nostro viaggio attorno al tavolo dello Chef Tusetti.

Dopo una abbondante grigliata bastonata (bastone grigliato con tre tipi di carni arrotolate; cervo, maiale e manzo), pur essendo quasi pieni non abbiamo potuto non assaggiare il dolce anche perché il  Tortino al cioccolato con gelato alle fave di tonka e coulis ai frutti rossi ci chiamava con insistenza dalla cucina e non gli si poteva dire di no.

I vini? Ottime etichette della valle: Sfursat fruttaio Ca’ Rizzieri  e Valtellina Superiore Riserva.

Ci abbiamo lasciato il cuore e ve lo consigliamo davvero. Se passate da Bormio fateci un salto

Accessibilità

L’accesso al locale avviene tramite una scalinata, il locale al suo interno è di buona accessibilità, compresi i bagni. Gli spazi interni non sono amplissimi, perciò potrebbero esserci delle difficoltà a muoversi tra i tavoli con ausili quali stampelle o sedie. Per qualsiasi quesito in merito potete contattare il ristorante sulla pagina facebook che solitamente risponde con celerità alle domande dei clienti (provato personalmente).

Allora non ci resta che augurarvi buon appetito e arrivederci al prossimo menu.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *