ToTo4All – La tecnologia in aiuto dell’accessibilità

ToTo4All – La tecnologia in aiuto dell’accessibilità

 

Si chiama “ToTo4All”, sigla che sta per “Torino tour for all”, ed è una mappa interattiva compatibile con dispositivi apple e android e scaricabile gratuitamente da Itunes e Google play. A realizzarla, per conto della fondazione Crt, è stato un team di sviluppatori che ha individuato 30 punti di interesse nel centro storico di Torino, disegnando così un itinerario percorribile in circa tre ore e mezzo. Lungo il quale è possibile visitare luoghi come botteghe o caffè storici, che sono tipici di questa città e possono essere fruiti anche attraverso l’udito o l’olfatto, offrendo dunque un’esperienza sensoriale a tutto tondo”.

Il funzionamento dell’applicazione è quanto di più intuitivo: dalla schermata principale è possibile scegliere tra quattro sotto-menù, dedicati a non vedenti, ipovedenti, non udenti e disabili motori. Fatto questo, si potrà a selezionare uno dei tre itinerari disponibili, che si sviluppano nelle zone di piazza San Carlo, via Po’ o del Quadrilatero romano. In base al tipo di disabilità selezionata, l’applicazione offrirà indicazioni su misura per ognuno dei percorsi, con una dettagliata descrizione di chiese, strade piazze, edifici ed esercizi commerciali storici. Ognuno dei punti d’interesse mappati è dettagliatamente descritto attraverso un sintetizzatore vocale e un sistema di sottotitolazione Lis, entrambe presenti nell’applicazione accanto alla descrizione testuale”. L’itinerario, inoltre, è suddiviso in tre micro percorsi da circa un’ora ciascuno, “in modo da permettere anche alle persone più anziane di visitarlo senza affaticarsi eccessivamente”.

L’app è stata realizzata con la collaborazione dell’Istituto italiano per il Turismo per tutti, la Consulta per le persone in difficoltà e l’Ufficio per il turismo di Torino e provincia, “ToTo4all” è parte della Lega delle città storiche accessibili, un progetto internazionale che ha l’obiettivo di promuovere l’accessibilità nei centri storici delle città europee. Al progetto, oltre a Crt, aderiscono dieci fondazione che hanno realizzato progetti a Torino, Avila (Spagna), Mulhouse (Francia), Viborg (Danimarca), Sozopol (Bulgaria)  e Lucca. (ams). Un’iniziativa lodevole e che speriamo veda l’adesione di molte altre città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *